//Pit-Stop: il programma breve e intensivo di AISE per vincere la dipendenza

Pit-Stop: il programma breve e intensivo di AISE per vincere la dipendenza

Partendo da quasi 40 anni di esperienza nella riabilitazione di persone con problemi di dipendenza da sostanze stupefacenti o da alcol abbiamo progettato “Pit-Stop”, un programma terapeutico di breve durata adeguato a quanti, per diversi motivi, non trovano risposta nel percorso classico (18-36 mesi).

Questa nuova proposta di AISE, realizzata in stretta collaborazione con il Centro Terapeutico Montevideo19, si sviluppa attraverso incontri in ambulatorio e un periodo di permanenza in Comunità.

L’équipe multidisciplinare del Centro Montevideo19 si prende cura della persona in fase di accoglienza e nel periodo post residenziale, mentre lo staff della Comunità Terapeutica la segue durante il trattamento residenziale.

A chi è indicato il programma Pit-Stop?

Breve e intensivo, il programma è adatto a uomini e a donne con determinati requisiti:

  • un lavoro e una rete sociale stabili
  • un quadro psichiatrico compensato
  • la necessità di conciliare il trattamento con impegni sociali, familiari, lavorativi, ecc.

Quanto dura il programma?

La durata può variare dai 30 ai 90 giorni in base alle caratteristiche della persona accolta e alla valutazione dello stato di dipendenza. 
Nella fase di accoglienza è possibile fare una stima più puntuale dei tempi e concordare eventuali prolungamenti.

Come si articola il programma?

Il programma è articolato in 3 fasi:

  • fase dell’accoglienza presso il Centro Terapeutico Montevideo19
  • fase residenziale in Comunità
  • fase di sostegno e monitoraggio presso il Centro Terapeutico Montevideo19

Fase dell’accoglienza

Nel corso di circa 3 incontri presso il Centro Terapeutico Montevideo19 verifichiamo che la persona abbia i requisiti per seguire il programma Pit-Stop e poi, attraverso colloqui, stabiliamo l’orientamento del percorso.
In questa fase valutiamo la motivazione del paziente, che poi riverificheremo quando la persona sarà in stato di completa astinenza.

Fase residenziale in Comunità

Terminata la prima fase accogliamo il paziente nella nostra Comunità Terapeutica, inserendolo in un gruppo di 8-10 persone.
Il periodo residenziale è fondamentale perché aiuta a:

  • interrompere il consumo di sostanze o di alcol e arrivare all’astinenza
  • comprendere le problematiche esistenti
  • sperimentare modi per fronteggiare il desiderio irrefrenabile di sostanze (craving)
  • acquisire innovativi strumenti e strategie per affrontare i problemi
  • ritrovare il proprio ruolo in una dimensione sociale e solidale

Una volta in Comunità la persona inizia un ciclo di 4 settimane di trattamento, che prevede ogni settimana un diverso programma di attività.
Nel corso dell’ultima settimana diamo particolare rilievo alla predisposizione e all’attivazione di reti di protezione e aiuto da utilizzare al rientro a casa e nella vita ordinaria.

Questo modello di trattamento terapeutico residenziale può essere proposto da 4 a 12 settimane.

Fase di sostegno e monitoraggio

In questa fase, la più delicata e decisiva per verificare la reale tenuta della persona, attiviamo una rete formale e informale di sostegno per aiutare i familiari e quanti stanno vicini al paziente.
Se necessario, oltre ai colloqui educativi e psicologici individuali e al costante monitoraggio/verifica dell’astinenza, possiamo coinvolgere la persona in attività di gruppo programmate in ore serali e condotte da professionisti, per rinforzare strumenti e tecniche appresi in comunità e per condividere le esperienze maturate.

Hai bisogno di aiuto o vuoi subito più informazioni?
Scrivici o chiamaci al numero 02 35959930.

2018-06-07T17:38:55+00:00 14 maggio 2018|News|